È morto don Moreno Paci, parroco di Cerreto e insegnante di religione al Dagomari

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

È scomparso improvvisamente don Moreno Paci, parroco di San Michele a Cerreto e assistente diocesano dei gruppi di preghiera di Padre Pio. Il sacerdote aveva 66 anni ed è morto nel pomeriggio di oggi, venerdì 30 ottobre, a causa di un infarto che lo ha colto mentre si trovava nella sua casa di Montale in provincia di Pistoia.

 

Don Moreno era molto conosciuto in città, con grande dedizione seguiva i tanti gruppi devoti al Santo di Pietrelcina presenti a Prato e da più di 30 anni era insegnante di religione. Incarico quest’ultimo che ricopriva ancora oggi al Dagomari, dove era docente dal 1981. Per alcuni anni aveva insegnato anche al Copernico e al liceo San Niccolò. Grande era il suo amore per i giovani e l’insegnamento. Era molto attivo anche sui social network, attraverso il suo profilo Facebook era solito scambiare pensieri e riflessioni con i suoi studenti.
Originario di Montemurlo, don Moreno è entrato nel seminario vescovile di Pistoia al termine della terza media, poi, terminati gli studi liceali a Colle Val d’Elsa, decise di completare gli studi teologici a Prato. Nel 1974 viene ordinato sacerdote nel duomo di Prato. Il suo primo incarico è alla parrocchia della Sacra Famiglia come cappellano. Nel 1977 diventa parroco a san Paolo, dove rimane fino al 1981, anno in cui comincia a dedicarsi all’insegnamento della religione a tempo pieno. Nel corso degli anni presta servizio in molte parrocchie pratesi: Chiesanuova, Santi Martiri, Grignano e Resurrezione. Torna in parrocchia nel 2001 prendendo la guida di San Giovanni Bosco, poi nel 2011 viene nominato amministratore parrocchiale della piccola comunità di Cerreto sulle colline sopra Figline.
La salma, che in questo momento si trova a Pistoia, sarà portata a Prato domani, sabato 31 ottobre, per essere esposta nelle cappelle del commiato della Misericordia in via Convenevole. Ancora da definire la data dei funerali, ma con molta probabilità si terranno lunedì 2 novembre alle 9,30 in cattedrale.

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail