Bambini delle scuole cattoliche

Alunni, famiglie e docenti in piazza Duomo per il Giubileo delle scuole cattoliche

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Gli alunni, i genitori, i docenti ed il personale delle scuole paritarie cattoliche della Diocesi vivranno il loro giubileo. L’appuntamento è per sabato primo ottobre. Sarà una mattinata di gioia e di festa, ma soprattutto un’occasione per mettere in pratica un’opera di Misericordia.

 

Organizzato dal Coordinamento delle Scuole Cattoliche, dalla Fism e dall’Ufficio diocesano per l’educazione e la scuola, il Giubileo avrà come momento centrale un gesto di solidarietà con i bambini della missione diocesana in Ecuador.

 

Lo hanno chiamato «Piazza …la Misericordia» e si svolgerà questo sabato dalle 9,30 alle 12, con bambini, ragazzi, giovani, insegnanti e famiglie delle scuole cattoliche di ogni ordine e grado che inizieranno la mattinata con un «pellegrinaggio», ovvero una camminata per le strade e le piazze della città per ritrovarsi in piazza Duomo e varcare la Porta Santa. Sin dai primi giorni di scuola, i docenti hanno preparato questo evento. Ad ogni bambino o ragazzo è stato consegnato un «pass», nel quale devono essere apposti due timbri: uno della parrocchia a cui appartiene o che frequenta, l’altro sarà invece apposto in piazza Duomo.

 

Sul sagrato della Cattedrale, alcuni operatori dell’Associazione «Anima Giovane» cureranno l’accoglienza con due attività: la raccolta di materiale di cancelleria da donare ai coetanei in Ecuador; uno spettacolo che aiuti a riflettere attraverso il gioco. Al termine, accolti da mons. Agostinelli, i pellegrini varcheranno la Porta Santa ed entreranno in Duomo.

 

Il programma è così scandito: ore 9, partenza dalle quattro piazze; ore 9,30 arrivo in piazza del Duomo incontro con il vescovo Franco Agostinelli; seguono le attività di accoglienza e lo spettacolo «Piazza… la Misericordia». Alle 11, ingresso in Duomo attraverso la Porta Santa, segue una breve celebrazione, con la lettura di un passo del Vangelo, la riflessione di monsignor Agostinelli, alcune preghiere degli studenti, il Padre Nostro, la benedizione ed un canto finale. Alle 12 si conclude la mattinata.

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail