Corpus Domini, la processione eucaristica nel cuore della città

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Partenza e arrivo dalla cattedrale con processione per le strade del centro storico. Quest’anno la solennità del Corpus Domini intende «richiamare l’attenzione al cuore della nostra città e della nostra Chiesa che vive il rinnovato segno della presenza di Gesù Buon Pastore», scrive il vicario generale mons. Nedo Mannucci nella lettera di presentazione dell’evento. Per la Diocesi di Prato questo importante momento di manifestazione della fede avviene in un periodo particolare: l’avvicendamento del vescovo Franco con il vescovo Giovanni e per questo la tradizionale processione eucaristica vuole rappresentare «l’unità del cammino, visibile sacramento di comunione di fronte alla città e a tutti i suoi abitanti, nella accoglienza delle persone e delle etnie», scrive ancora mons. Mannucci.

 
L’appuntamento è per la sera di giovedì 20 giugno con ritrovo alle 20,45 in cattedrale. Alle 21 la messa presieduta da mons. Agostinelli e al termine la partenza della solenne processione eucaristica secondo questo percorso: piazza Duomo, via Garibaldi, via Verdi, via Cairoli, piazza S. Maria delle Carceri, via S. Bonaventura, piazza S. Francesco, via Ricasoli, piazza del Comune, via Guasti, via Muzzi, largo Carducci e poi nuovamente in piazza Duomo, previsto per le 22,30. Poi come da tradizione il vescovo salirà sul pulpito di Donatello per impartire la benedizione eucaristica sui fedeli. Sono invitate a partecipare le associazioni cattoliche e i gruppi ecclesiali, i bambini della prima comunione e i ragazzi della cresima con le loro famiglie. Durante la processione, alternati da momenti di silenzio, ci saranno invocazioni e canti diffusi dagli altoparlanti che accompagneranno il cammino dei partecipanti lungo le vie e le piazze del centro.

 

 

Lo stesso giorno, giovedì 20 giugno, alle ore 10, il Vescovo celebra messa per i malati e gli anziani nella chiesa dalla Sacra Famiglia, la cui partecipazione è assicurata grazie al coordinamento dell’Unitalsi e l’accompagnamento della Misericordia e delle altre associazioni di volontariato.

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail