Giornata del malato, visita e messa in ospedale del vescovo Agostinelli

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

In occasione della Giornata mondiale del malato il vescovo Franco Agostinelli il prossimo fine settimana andrà in visita all’ospedale Santo Stefano di Prato e celebrerà la messa nella cappella del nosocomio. Ecco le iniziative in programma promosse dall’Ufficio diocesano per la pastorale sanitaria.
Sabato 11 febbraio, alle 10, mons. Agostinelli sarà al Santo Stefano per visitare i reparti di oncologia, ostetricia, ortopedia e neurologia. Accompagnato dal direttore del presidio ospedaliero Roberto Biagini e dalla dirigente Francesca Alzira Bertini, il Vescovo porterà un saluto ai degenti e al personale impegnato nella cura e gestione dei reparti. Saranno presenti il cappellano dell’ospedale don Carlo Bergamaschi e il direttore dell’Ufficio di pastorale sanitaria Alberto Toccafondi.
Nel pomeriggio di sabato 11, alle 15,30, è in programma la celebrazione della messa per anziani e disabili presieduta da mons. Agostinelli nella chiesa della Madonna dell’Ulivo in via delle Fonti. Coordina l’organizzazione l’Unitalsi in collaborazione con le associazioni di volontariato di Prato.
Domenica 12 febbraio, alle ore 16, nella cappella dell’ospedale, il Vescovo presiede la messa per i malati, i familiari e il personale ospedaliero.

 

Istituita da Giovanni Paolo II, la Giornata mondiale del malato, giunge quest’anno alla sua 25° edizione. Il giorno della ricorrenza è l’11 febbraio, quando la Chiesa fa memoria delle apparizioni della Madonna a Lourdes. «Tale Giornata – scrive papa Francesco – costituisce un’occasione di attenzione speciale alla condizione degli ammalati e, più in generale, dei sofferenti; e al tempo stesso invita chi si prodiga in loro favore, a partire dai familiari, dagli operatori sanitari e dai volontari, a rendere grazie per la vocazione ricevuta dal Signore di accompagnare i fratelli ammalati».

 

A febbraio si celebra anche un’altra ricorrenza, la Giornata nazionale per la vita indetta dalla Conferenza episcopale italiana la prima domenica del mese. Per l’occasione, sabato scorso, 4 febbraio, i volontari del Movimento per la Vita di Prato sono andati nel reparto di ostetricia del Santo Stefano in visita alle neo mamme e alle donne in attesa di un figlio per donare loro un fiore.
«Un gesto semplice ma dal grande significato – spiega Caterina Bandini, presidente del MpV – attraverso il quale vogliamo ringraziare le partorienti del dono della vita che hanno accolto o che stanno per accogliere». L’iniziativa è stata possibile grazie alla disponibilità della dirigenza ospedaliera, presente con il direttore Roberto Biagini.

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail