Giornata mondiale dei poveri: il sussidio per le attività in parrocchia

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

«La speranza dei poveri non sarà mai delusa». È il tema della terza giornata mondiale dei poveri promossa da papa Francesco per invitare i cristiani a mettere al centro della loro azione pastorale la carità e l’attenzione nei confronti di chi vive ai margini della società. La ricorrenza è domenica 17 novembre e in vista di quella data la Caritas diocesana, l’ufficio catechistico e l’ufficio liturgico hanno preparato un sussidio per dar modo alle parrocchie di pregare, riflettere e attivarsi su questa tematica.

 

 

L’invito è semplice quanto importante: si chiede alle comunità di valorizzare la giornata dei poveri durante la settimana dall’11 al 16 novembre e la domenica 17 novembre attraverso gesti concreti.

Tra le proposte contenute nel sussidio c’è quella di organizzare, nella più grande semplicità, «momenti di fraterno convivio» la sera del sabato oppure per il pranzo della domenica «con chi sta vivendo momenti di difficoltà».

 

 

Lo scorso anno simili iniziative sono si sono tenute a San Paolo, Tobbiana e Galcetello e sono state molto apprezzate dai partecipanti. «Può essere la parrocchia a mettere a disposizione i locali invitando i fedeli del proprio territorio oppure alcune famiglie possono riunirsi in casa e farsi accoglienti», si legge ancora nei materiali diffusi in vista dell’evento e scaricabili sul sito della Diocesi.

 

 

Altro aspetto importante è la preparazione della messa festiva di domenica 17. Si chiede di preparare l’offerta dei doni e la preghiera dei fedeli secondo il tema della giornata. Inoltre sono utilizzabili delle schede per i ragazzi del catechismo. Non ci sono solo suggerimenti e spunti di riflessione ma proposte per attività concrete come una passeggiata per le strade del quartiere, in modo da rendersi conto di problematiche e bisogni, e organizzare una merenda con i coetanei di famiglie seguite dal centro di ascolto parrocchiale.

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail