Le visite sui ponteggi del Duomo per vedere da vicino il pulpito di Donatello

Facebooktwitterpinterestmail
image_pdfimage_print

Osservare le ghiande e le foglie di quercia che compongono i festoni scolpiti da Donatello per la base del suo celebre pulpito, ma anche ammirare le eleganti sopracciglia di colore blu della Madonna e dei Santi presenti sulla raffinata «robbiana» che si trova sopra il portone di ingresso. Sono particolari eccezionali e poco noti della cattedrale di Prato che si trovano a qualche metro d’altezza e dunque troppo alti per poter essere apprezzati. Ma adesso, grazie ai ponteggi montati per compiere il restauro delle facciate del duomo, sarà possibile fare una visita davvero speciale. In accordo con la ditta Piacenti Spa, incaricata di fare i lavori di restauro della cattedrale, ArteMìa e Prato Cultura hanno organizzato un ciclo di visite molto particolari.

 

«Insieme a noi – spiegano i promotori dell’iniziativa – sarà possibile salire su quei ponteggi ed osservare da vicino particolari altrimenti non visibili e non solo: saremo accompagnati dai restauratori della ditta Piacenti Spa che, con competenza, ci racconteranno come stanno andando i lavori e a quali problematiche stanno cercando di porre rimedio».

 

La visita guidata – della durata di un’ora circa – ha un costo di 20 euro a persona e si ripeterà ogni giovedì di maggio – 5, 12, 19, 26 – con due turni: il primo in partenza alle 18,30 e il secondo alle 19,30. La partecipazione è riservata ai maggiori di 12 anni; i minorenni devono essere accompagnati da almeno un genitore ed essere sotto la loro tutela e responsabilità. Per prendere parte alla visita guidata occorre leggere il regolamento, rispettarne le indicazioni e firmare una malleva.
I posti a disposizione per ogni turno di visita sono limitati (otto persone massimo) e la prenotazione è sempre obbligatoria. Per farla, si può scrivere una email a: info@artemiaprato.it; oppure telefonare al numero 340-5101749 (attivo dal martedì al venerdì: ore 9-15; il giovedì 9-18 ed il sabato 10-13). È possibile prenotare anche dal sito di ArteMìa alla sezione «Prossimi eventi».

 

 

 

 

Facebooktwitterpinterestmail