«Sicuri, dietro di me». Riparte il catechismo in parrocchia

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

L’Ufficio catechistico diocesano, in accordo con il Vescovo e con il supporto della Curia, ha predisposto un protocollo di sicurezza per lo svolgimento delle «lezioni» con bambini e ragazzi.

 
«Sicuri dietro di me» è il nome scelto per questo protocollo che ha come punti di riferimento i decreti del Governo, le circolari del Ministero dell’Istruzione e le disposizioni della Cei.
La base di partenza per far ripartire il catechismo è il patto di corresponsabilità che dovrà essere firmato dai genitori. «Le parrocchie daranno adeguata comunicazione alle famiglie su come si svolgerà la catechesi nei propri ambienti e sulle misure previste per evitare i rischi del contagio – spiega il direttore dell’ufficio don Carlo Geraci – poi ci sono delle richieste: non mandare il figlio se ha la febbre o sintomi influenzali e fargli indossare le mascherina. Se i genitori sono d’accordo e si impegnano a rispettare le prescrizioni dovranno firmare il patto».

 
Una lezione tipo. Il bambino, in salute e munito di mascherina, dovrà igienizzarsi le mani all’ingresso dei locali parrocchiali. I genitori non potranno entrare nelle aule, se possibile sarebbe utile prevedere delle stanze per l’accoglienza. Anche i catechisti dovranno indossare la mascherina – per tutta la durata dell’incontro come i ragazzi – e non avere febbre o sintomi influenzali. I presenti saranno annotati su un registro. In tutto i registri sono tre, perché a quello delle presenze dei bambini si aggiunge quello di eventuali visitatori degli ambienti del catechismo (un genitore che per qualche motivo deve entrare nei locali oppure un tecnico o qualcuno chiamato a fare un lavoro di riparazione) e anche un registro nel quale segnare le attività di pulizia e igienizzazione, di stanze e bagni, compiute al termine di ogni incontro con il nome chi li ha effettuate.

 
L’organizzazione degli spazi. Così come a scuola e nei locali pubblici, anche in parrocchia occorre che ci sia la distanza di un metro tra le persone (più precisamente da bocca a bocca). Quindi ogni parrocchia è chiamata a fare una analisi dei propri spazi e a calcolare quante persone possono stare in ogni stanza. Individuato il numero massimo si potrà capire la composizione delle classi e gli orari di presenza. Tenendo presente che per evitare assembramenti sono richiesti ingressi e uscite scaglionate. È bene che le stanze siano finestrate e areate.

 
Il protocollo «Sicuri dietro di me» e tutti i documenti necessari per l’attivazione del catechismo secondo le prescrizioni anti Covid sono scaricabili qui sotto.

 

 

Protocollo Catechismo

 

Linee guida ripartiamo insieme

 

Patto di corresponsabilità (aggiornato al 16 settembre)

 

modulo di iscrizione al catechismo 2020-2021

 

cartellonistica

 

registro presenze

 

registro visitatori

 

registrato pulizia catechismo

 

Per spiegare il protocollo di sicurezza predisposto dall’Ufficio catechistico sono stati organizzati degli incontri di formazione divisi per vicariati. Sotto il calendario con tutti gli appuntamenti

 

 

 

 

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail