Archivi tag: elicottero

Papa Francesco risale sull'elicottero

Il Papa ha dato un… passaggio in elicottero al vescovo Franco Agostinelli

«Una grande gioia del cuore». Riassume così, ancora emozionato, il vescovo di Prato Franco Agostinelli l’ora storica vissuta dalla Chiesa e dalla città di Prato questa mattina. Raggiunto da Tv Prato in diretta a Firenze, appena terminato l’incontro in Santa Maria del Fiore del Convegno ecclesiale nazionale, il presule è raggiante per l’incontro vissuto a Prato con il Santo Padre. «Un abbraccio straordinario del Papa alla nostra città – commenta – che la nostra città ha ricambiato con una partecipazione e un affetto corali».

Per Agostinelli l’emozione, se possibile, è stata ancora più grande: prima in città accanto al Pontefice sulla Papamobile, poi di nuovo vicino a lui sull’elicottero verso Firenze. «Purtroppo non c’è stato molto tempo per parlare con il Papa sull’elicottero – ha raccontato il Vescovo – dati i tempi ristretti del tragitto da Prato a Firenze. Io l’ho di nuovo ringraziato per tutto, e gli ho messo in rilievo le caratteristiche di Prato, città del lavoro. Il Pontefice mi ha detto che avrebbe voluto spendere più parole sulla tematica del lavoro, durante il suo discorso, ma non ha potuto a causa delle tempistiche ristrette. Sì, davvero una grande emozione».
Proprio per la partecipazione al Convegno ecclesiale nazionale – che questa mattina con la visita del Papa ha vissuto il suo momento culminante – mons. Agostinelli non si è potuto soffermare a Prato per commentare a caldo con i giornalisti. Anzi, il Santo Padre gli ha dato un… passaggio a bordo dell’elicottero dell’Aeronautica Militare Italiana e così in otto minuti è volato sul capoluogo toscano.

«Adesso sta a noi – ha spiegato il Vescovo – sviluppare quanto ci ha detto il Papa, sta a noi iniziare un vero e proprio percorso a partire dalle riflessioni svolte da Francesco su quelle che sono le tematiche essenziali di tutta la proposta cristiana. Abbiamo vissuto una bella mattinata, ma è nostro compito fare sì che tutto questo non rimanga a livello di una mera emozione».
Infine i ringraziamenti: «Se questa bellissima ora ha visto una straordinaria partecipazione di popolo e una ottima organizzazione, è merito del lavoro di squadra che la Diocesi, il Comune con in testa il sindaco Biffoni e l’assessore delegato Faltoni, tutte le istituzioni, la Questura e le altre Forze dell’Ordine, i volontari hanno saputo realizzare. A tutti va il mio grazie più sincero. Continuiamo a lavorare insieme. Quello che abbiamo realizzato è un “modello” di vita comunitaria che non va abbandonato».

Papa Francesco

Atterra l’elicottero del Papa, prove generali per la visita a Prato

Prove generali a Prato in vista della visita di papa Francesco. Questa mattina, venerdì 11 settembre, una delegazione pontificia è atterrata alle 8,20 con un elicottero dell’aeronautica militare allo stadio Lungobisenzio. Il sopralluogo avviene a due mesi dal viaggio che porterà il Santo Padre in città in occasione del Convegno ecclesiale nazionale di Firenze. Francesco è atteso a Prato martedì 10 novembre, la sua permanenza durerà un’ora e incontrerà i pratesi in piazza Duomo dalle 8 alle 9 del mattino.

Sarà una visita lampo ma dal grandissimo significato, per una città che ancora vive nel ricordo della storica giornata di 30 anni fa quando accolse Giovanni Paolo II il 19 marzo del 1986. Per garantire la sicurezza di Francesco e verificare le eventuali criticità del tragitto che lo porterà in auto dallo stadio al duomo, questa mattina sono tornati a Prato mons. Leonardo Sapienza, reggente della Prefettura della Casa Pontificia, Domenico Giani comandante della gendarmeria vaticana e il suo vice, il colonnello Costanzo Alessandrini insieme ad altri uomini del corpo dei gendarmi. Ad attendere l’elicottero della delegazione pontificia allo stadio erano presenti il vescovo Franco Agostinelli, il vicario generale della diocesi mons. Nedo Mannucci, presidente del comitato organizzatore della visita del Papa a Prato e mons. Carlo Stancari, segretario del comitato. Con loro il questore Filippo Cerulo, il comandante della polizia municipale Andrea Pasquinelli e l’assessore comunale Monia Faltoni.

Il primo passo del sopralluogo ha consistito nel visionare il percorso dal Lungobisenzio a piazza Duomo. Il tragitto non è ancora ufficiale, lo staff della sicurezza del Papa deciderà il percorso nei prossimi giorni dopo aver raccolto tutti gli elementi della giornata di oggi. La macchina della delegazione pontificia, accompagnata da quattro motociclette della polizia municipale, si è mossa alla velocità di 15 chilometri orari, la stessa andatura che avrà la «papa mobile» sulle strade pratesi, in modo da permettere a Francesco di poter salutare la folla che si radunerà lungo il percorso.

Giunta in piazza Duomo, la delegazione ha visionato nuovamente la cattedrale e gli spazi antistanti. Poi insieme ai vertici diocesani e cittadini si è tenuta una riunione organizzativa in Palazzo vescovile nella quale sono stati di nuovo esaminati i vari momenti della visita. Il programma definitivo sarà reso noto quando da Roma saranno decisi tutti gli aspetti logistici dell’evento del 10 novembre. Come reso pubblico dalla diocesi di Prato lo scorso 27 marzo, il Papa arriverà in città in elicottero intorno alle 8 e si muoverà fino a piazza Duomo, dove incontrerà i pratesi, per poi ripartire alle 9 alla volta di Firenze per partecipare al Convegno ecclesiale.

«Il sopralluogo di questa mattina avviene a due mesi dalla visita di papa Francesco e aveva lo scopo di definire gli aspetti salienti della sicurezza – dichiara mons. Nedo Mannucci presidente del comitato organizzatore – ed è il motivo per cui è stato provato l’atterraggio dell’elicottero. Oggi la nostra organizzazione, che si muove sempre di concerto con le istituzioni locali e le forze dell’ordine, entra nel vivo. Per noi – conclude il Vicario – vedere atterrare quell’elicottero è stato un emozionante assaggio di quello che sarà la visita del Papa».

image_pdfimage_print