Archivi tag: museo

image_pdfimage_print

Appuntamento con la caccia al tesoro nel Museo dell’Opera del Duomo

Il Museo dell’Opera del Duomo propone una divertente caccia al tesoro all’interno delle proprie sale. Ma solo i bimbi con la memoria più allenata potranno vincere la sfida. Siete pronti? Allora il Museo vi aspetta domani, sabato 16 aprile, alle 15 sotto il campanile della cattedrale per iniziare una speciale visita guidata.

 

Tutti i bambini presenti saranno invitati a guardare con attenzione le opere d’arte conservate nel Museo, in modo da scoprirne segreti e significati, poi gli animatori, dopo aver mostrato alcuni particolari appartenenti a quadri e sculture, lanceranno la «caccia». Una volta ritrovati tutti i pezzi i piccoli visitatori saranno invitati a costruire delle carte, con le quali si sfideranno a Memory.

 

L’iniziativa, rivolta alle famiglie con bambini dai 6 anni in su, ha un costo di 4 euro a persona, per informazioni: 0574-29339; musei.diocesani@diocesiprato.it. L’ingresso è dalla nuova biglietteria del Museo posta sotto il campanile della cattedrale.

Appuntamento per le famiglie al Museo del’Opera del Duomo

Nuovo appuntamento per famiglie al Museo dell’Opera del Duomo di Prato. Domani, sabato 2 aprile dalle 15 alle 17, è in programma una speciale visita guidata intitolata: «La storia del tuo nome».

 

L’invito è rivolto a tutti i bambini che vogliono scoprire dove nasce e qual è il significato del proprio nome di battesimo. Per farlo è in programma un divertente viaggio tra le bellezze custodite nel Museo, tra quadri e sculture, dove potrebbero nascondersi personaggi dai nomi comuni o stravaganti. I piccoli visitatori potranno così conoscere l’etimologia del proprio nome partendo dalla storia dei grandi del passato.

 

L’iniziativa, promossa e guidata da Artemia, è rivolta ai bambini dai 6 anni in su. Il costo è di 4 euro a partecipante. Per informazioni: 0574-29339; musei.diocesani@diocesiprato.it. L’ingresso è dalla nuova biglietteria del Museo posta sotto il campanile della cattedrale.

San Nicola, l’antenato di Babbo Natale

Al Museo dell’Opera del Duomo di Prato si sente già aria di Natale: sabato 5 dicembre, dalle 15 alle 17, si terrà«San Nicola, l’antenato di Babbo Natale», un pomeriggio alla scoperta dei tesori del museo e della vita di San Nicola. Un’operatrice dell’associazione Artemìa racconterà infatti ai bambini e ai loro genitori la storia di San Nicola, per comprendere le origini di un personaggio conosciuto e amato in tutto il mondo: Babbo Natale, appunto. Sono previste anche delle attività, come la visione di un filmato animato e una piccola caccia al tesoro.

L’attività è dedicata ai bambini dai sei anni in su; il costo del biglietto (comprensivo di ingresso al museo e attività) è di quattro euro a persona. Gli interessati sono pregati di prenotare, entro le ore 17 di venerdì 4 dicembre, telefonando allo 0574/29339 o inviando una mail a musei.diocesani@diocesiprato.it.

taglio del nastro nuova biglietteria_mannucci_marini_mangani

Inaugurata la biglietteria unica dei Musei Diocesani sotto il campanile del Duomo

Sotto il campanile del duomo di Prato. Qui si trova la nuova biglietteria, comprensiva di book shop, dove si può acquistare il biglietto unico per accedere al Museo dell’Opera e per visitare gli affreschi di Filippo Lippi in cattedrale. Il nuovo spazio, che per la prima volta viene aperto al pubblico in modo continuativo, è stato inaugurato nel tardo pomeriggio di oggi, lunedì 16 novembre, alla presenza del direttore dell’Ufficio Beni Culturali della diocesi don Renzo Fantappiè, del presidente dell’Opera del Duomo Raffaele Tanzarella e del presidente della Fondazione Museo del Tessuto Francesco Marini. Presenti al taglio del nastro anche il direttore dei Musei diocesani Claudio Cerretelli, il direttore del Museo del Tessuto Filippo Guarini, l’economo della diocesi Irene Sanesi, l’assessore alla cultura del Comune di Prato Simone Mangani e la presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Prato Fabia Romagnoli.
Il nuovo ambiente è stato benedetto dal canonico Emilio Riva, parroco della cattedrale.

L’apertura della biglietteria è il primo frutto di un accordo quinquennale sottoscritto tra l’Ufficio Beni Culturali della Diocesi e la Fondazione Museo del Tessuto, che prevede, tra i vari punti, la riorganizzazione di un sistema integrato di biglietteria, accoglienza e guardiania, la cui gestione è affidata alla Fondazione.
Obiettivo di questa sinergia tra i due enti appartenenti al sistema «Pratomusei», coordinato dal Comune di Prato, è quello di collaborare per valorizzare il grande patrimonio artistico diocesano attraverso l’offerta di servizi sempre più attenti alle esigenze del visitatore, italiano e straniero, nelle sue differenti tipologie: turista, famiglia o studente.

«Quello che oggi presentiamo è uno spazio nuovo e suggestivo – sottolinea don Renzo Fantappiè – questa apertura va nella direzione indicata dall’accordo che abbiamo sottoscritto con il Museo del Tessuto: l’impegno a valorizzare maggiormente il punto essenziale e principale di Prato che è il Duomo».
«Siamo onorati di aver preso in gestione questi ambienti straordinari – afferma il presidente Francesco Marini –, siamo certi che con il nuovo ingresso il Museo, fino a oggi un po’ nascosto, diventerà una delle principali mete del turismo in città.

Con soli cinque euro (ridotto quattro, scuole tre euro) sarà possibile ammirare le opere contenute nel Museo dell’Opera, come la balconata originale del pulpito di Donatello e la pala d’altare raffigurante la Madonna con Bambino tra i Santi Giusto e Clemente dipinta dal Maestro della Natività di Castello, ma anche vedere da vicino il celebre ciclo pittorico di Filippo Lippi che affresca la cappella dell’altare maggiore della cattedrale.

La collaborazione tra Ufficio Beni Culturali e Museo del Tessuto, prevede in futuro anche la progettazione di attività educative, didattiche e di intrattenimento rivolte a bambini e adulti. Questi servizi, insieme a quelli di accoglienza, sono garantiti da tre dipendenti della Diocesi in collaborazione con due dipendenti delle cooperative Chora e Coopculture, vincitrici di un bando di concorso per l’affidamento di questo incarico. Per garantire continuità e salvaguardare i posti di lavoro, il personale impiegato è formato dalla stesse persone che già lavoravano al Museo prima della sottoscrizione del nuovo accordo. La guardiania e la vigilanza sono assicurate anche grazie al supporto di volontari appartenenti alle associazioni Auser e Anteas.

Ecco il nuovo orario della biglietteria. Da lunedì a sabato dalle 10 alle 13 e dalle 14 alle 17, la domenica dalle 14 alle 17 (martedì giorno di chiusura). Questi sono anche gli orari di visita per il Museo, mentre la visita agli affreschi del Lippi in cattedrale è possibile anche tra le 13 e le 14, basta aver acquistato preventivamente il biglietto. Sono possibili aperture e visite guidate su richiesta.

Per informazioni: musei.diocesani@diocesiprato.it.