Terremoto, domenica 18 settembre colletta straordinaria in tutte le parrocchie pratesi

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
image_pdfimage_print

La Diocesi di Prato fa suo l’invito della Chiesa italiana e aderisce alla colletta straordinaria indetta dalla Cei per domenica 18 settembre in favore delle popolazioni colpite dal terremoto. Quel giorno le offerte raccolte in tutte le parrocchie pratesi saranno devolute al fondo predisposto da Caritas italiana per far fronte a questa emergenza.

Alla Caritas diocesana stanno arrivando numerose telefonate di cittadini e comunità parrocchiali che chiedono come fare per far giungere il proprio contributo. «Per adesso ci stiamo muovendo raccogliendo denaro per le prime urgenze e l’acquisto dei bisogni essenziali – spiega la direttrice Idalia Venco –, prima di organizzare raccolte di indumenti e generi alimentari aspettiamo indicazioni da Caritas italiana. Gli sfollati sono molti, la ricostruzione sarà lunga e le persone avranno bisogno di una mano anche, e soprattutto, nei mesi a venire».

«La Chiesa e la città di Prato hanno sempre dimostrato una grande sensibilità e generosità in emergenze come questa – scrive il vicario generale monsignor Nedo Mannucci in una lettera appello inviata a tutte le parrocchie – in questi giorni vogliamo fare tutto il possibile per essere vicini a queste popolazioni con la preghiera e la carità concreta».

Chi volesse può già contribuire con una offerta, che può essere inviata in Curia, alla Caritas diocesana oppure direttamente a Caritas italiana. Di seguito le coordinate bancarie a cui fare riferimento.
Solidarietà Caritas Ramo Onlus della Diocesi di Prato: conto corrente IT14 R05728 21501 490570001558. Caritas Italiana: conto corrente postale 347013, oppure mediante bonifico bancario su Banca Popolare Etica, iban IT 29 U 05018 03200 000000011113. Nella causale occorre specificare: Colletta terremoto centro Italia.

Tutte le offerte sono deducibili e detraibili dal reddito imponibile se effettuate tramite assegno bancario o mediante bonifico.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail