Il vicario generale

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Il Vicario generale, mons. Nedo Mannucci, è il principale collaboratore del Vescovo, colui che, alla lettera, «ne fa le veci». Recita il Diritto canonico: «In ogni diocesi il Vescovo diocesano deve costituire il Vicario generale affinché, con la potestà ordinaria di cui è munito a norma dei canoni seguenti, presti il suo aiuto al Vescovo stesso nel governo di tutta la diocesi». E ancora: «Al Vicario generale compete, in forza dell’ufficio, la stessa potestà esecutiva su tutta la diocesi che, in forza del diritto, spetta al Vescovo diocesano, la potestà cioè di porre tutti gli atti amministrativi, ad eccezione di quelli che il Vescovo si è riservato oppure che richiedono, a norma del diritto, un mandato speciale del Vescovo».

Il Vicario generale della Diocesi di Prato è, come detto, mons. Nedo Mannucci. Il presule succede a mons. Eligio Francioni, Vicario generale dal 1977 al 2011, scomparso il 26 settembre del 2011 per un male incurabile.

Nato a Figline di Prato nel 1945, mons. Mannucci è stato ordinato sacerdote nel 1970 è primicerio del Capitolo della Cattedrale e parroco di San Bartolomeo a Coiano, importante quartiere a nord della città.
Dopo il diploma di perito tessile all’Istituto tecnico industriale «Tullio Buzzi», studiò al Pontificio Seminario Romano e conseguì la licenza in teologia all’Università Lateranense. Tra i vari incarichi ricoperti in diocesi, mons. Mannucci è stato Prorettore del Seminario, cancelliere vescovile, parroco di San Giuseppe (dal 1976 al 1990), Assistente della Fraternità di Comunione e Liberazione (dal 1989), parroco di Santa Maria della Pietà (dal 1990 al 2000), Rettore del Seminario (dal 2000 al 2009), Pro-vicario della Diocesi (dal 1996 al 2006), parroco della cattedrale (dal 2002 al 2003), canonico della cattedrale (dal 2001), Vicario episcopale (dal 2006 ad oggi), parroco di Coiano (in carica dall’ottobre del 2011).

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail