Diocesi di Prato in lutto per la morte di don Luca Bongini

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
image_pdfimage_print

Lutto nella Chiesa pratese. Questa mattina all’età di 56 anni è scomparso don Luca Bongini, parroco di San Pietro a Mezzana. La morte è avvenuta questa mattina intorno 7, probabilmente per infarto. A trovare il corpo, disteso in bagno, è stata la sorella del sacerdote.
La sua morte, così improvvisa e inaspettata, ha colto di sorpresa l’intera parrocchia che in queste ore ha appreso la notizia. Nei giorni scorsi il sacerdote diceva di soffrire di pressione alta ma non ha mai accusato malori; proprio ieri era stato molto impegnato nelle celebrazioni e nelle attività di parrocchia senza mostrare alcun segno che potesse presagire la triste scoperta di questa mattina. Il vescovo Franco Agostinelli, che si trova fuori città, si è messo subito in viaggio per tornare a Prato. A Mezzana si è recato immediatamente il vicario generale, mons. Nedo Mannucci.
Don Luca Bongini sarà esposto da questo pomeriggio, mercoledì 8 luglio, dalle ore 16, nella chiesa di Mezzana; domani nel pomeriggio, nello stesso luogo, verrà celebrata una messa in suffragio. I funerali sono invece previsti venerdì 10 luglio (orari delle messe e luogo del funerale saranno comunicati in un secondo aggiornamento).

LA VITA Originario di Roccastrada in provincia di Grosseto, don Luca Bongini nasce il 25 ottobre 1958. Entra in seminario il 27 settembre 1978; diacono il 18 aprile 1982 e ordinato sacerdote il 26 marzo 1983. Da quel momento inizia il suo impegno pastorale: il 3 aprile 1983 è vice parroco a San Paolo e dal primo ottobre 1985 vice parroco alla parrocchia del Sacro Cuore. Viene nominato parroco dell’Immacolata Concezione a Galcetello il primo novembre 1987 e il 4 ottobre 1992 sarà scelto come vicario foraneo del Vicariato Prato Nord. Dal 15 aprile 2000 è stato amministratore parrocchiale delle chiese di Fabio e Faltugnano; dal primo settembre 2004 è nominato parroco di San Giuseppe, incarico che rivestirà per due anni, fino al primo settembre 2006, quando diventa parroco della chiesa di San Pietro a Mezzana e vicario foraneo di Prato est. Fino al 2013 è stato direttore dell’Ufficio per il culto divino e per alcuni anni della scuola diocesana di teologia.

«Quella di don Luca è una morte che ci lascia interdetti e addolorati, ci coglie all’improvviso privandoci di un sacerdote prezioso». Sono le parole del vescovo di Prato monsignor Franco Agostinelli alla notizia della morte di don Luca Bongini, da nove anni parroco di San Pietro a Mezzana, scomparso improvvisamente questa mattina all’età di 56 anni. Da alcuni giorni il Vescovo si trova fuori città e in queste ore è in viaggio per fare ritorno verso Prato.

«Don Luca era un prete generoso, che si spendeva per la Chiesa ed era molto amato dai suoi parrocchiani, per la nostra Diocesi si tratta di una perdita molto dolorosa. Con lui – prosegue il Vescovo – avevo spesso uno scambio fraterno, insieme condividevamo gioie e preoccupazioni dei nostri rispettivi impegni pastorali, era una persona affidabile sulla quale potevamo sempre contare».

Mons. Agostinelli manda un pensiero anche al popolo di Mezzana che questa mattina si è svegliato senza il suo parroco: «Vi sono vicino e condivido con voi questo momento di dolore e di rammarico, sto pregando per voi e per don Luca. Intanto posso garantirvi che sarà mia premura assicurare quanto prima che la vita parrocchiale possa riprendere il suo cammino. Affidiamoci al Signore, ricordiamo nella preghiera anche le sorelle di don Luca che sempre gli sono state vicine condividendo la sua vita di sacerdote».

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail