Papa Francesco e Tiziana Lupi

Festa degli artisti. Presentazione del libro di Papa Francesco: «La mia idea di arte»

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
image_pdfimage_print

L’arte al tempo di Papa Francesco. O meglio, l’idea di arte secondo Papa Francesco. Per la prima volta Bergoglio confessa il proprio amore per la pittura e la scultura, ma anche il suo pensiero sul rapporto tra i musei e la nostra società. E lo fa in un libro intervista con la giornalista di Avvenire Tiziana Lupi, intitolato «Papa Francesco. La mia idea di arte». La presentazione del volume sarà l’evento che quest’anno caratterizza la tradizionale festa diocesana degli artisti promossa da don Giuseppe Billi, parroco di Figline ma soprattutto critico e noto esperto d’arte.

 

la-mia-idea-arte-papa-francescoSabato 20 febbraio, alle 16, in palazzo vescovile, il sacerdote introdurrà i temi del libro alla presenza dell’autrice e di Irene Sanesi, presidente della Fondazione per le arti contemporanee (l’ente alla guida del Museo Pecci) e dell’Opera Santa Croce di Firenze. Nel libro, edito da Mondadori e Musei Vaticani, Bergoglio spiega come l’arte sia ancora uno dei più potenti mezzi di comunicazione interculturale e uno strumento di evangelizzazione. Le opere artistiche sono «un ponte tra verità e bellezza», per usare le parole di Francesco. Nel testo si parla anche dell’importanza dei musei, luoghi che secondo il Papa «devono essere strumento di dialogo tra le culture e le religioni. Devono essere vivi! Non polverose raccolte del passato solo per gli “eletti” e i “sapienti”, ma una realtà vitale che sappia custodire quel passato per raccontarlo agli uomini di oggi, a cominciare dai più umili». Il tema inoltre si inserisce appieno all’interno del Giubileo, il sottotitolo del libro infatti recita: «L’arte non deve scartare niente e nessuno. Come la Misericordia».

 

La festa degli artisti si tiene ogni anno in occasione della memoria del patrono Beato Angelico. «Sono invitati a partecipare tutti coloro che si esprimono con le arti, dalla poesia alla pittura, dalla musica alla recitazione», ricorda don Billi. Dopo la conferenza è in programma la celebrazione della messa alle 18 in cattedrale presieduta dal vescovo Agostinelli.

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail