A Prato la Giornata per la Vita: sosteniamo il Cav e il Mpv nelle loro preziose attività

«È vita, è futuro», è il tema scelto per la 41° Giornata per la vita celebrata in tutte le diocesi italiane domenica 3 febbraio. Anche a Prato si ricorda la ricorrenza con alcune iniziative messe in campo dalle due associazioni cattoliche che quotidianamente si impegnano su questa tematica: il Centro di Aiuto alla Vita e il Movimento per la Vita.

 

 
L’impegno del Centro di Aiuto alla Vita: nel 2018 ha aiutato 327 donne

 

Questa domenica le volontarie del Cav saranno presenti in 53 parrocchie pratesi per diffondere il messaggio della Cei per la giornata e per offrire primule e bulbi. Il ricavato servirà a sostenere le attività del Centro, tra queste Casa Aurora, un servizio nato nel 1996 per prendersi cura di tutte quelle donne senza lavoro, senza alloggio, abbandonate o perseguitate che si trovano a dover portare avanti da sole una gravidanza. In poco più di vent’anni sono state ospitate circa duecento mamme, di varia nazionalità con i rispettivi bambini.

 

Il Centro di Aiuta alla Vita è impegnato su questo fronte dal 1977, anno in cui nacque in Italia questa esperienza. A Prato il Centro si trova in via Dante e offre accoglienza e ascolto, un aiuto concreto, per il pagamento di utenze e affitti, e una assistenza di tipo psicologico e legale. Nel 2018 sono state aiutate 327 donne, tra queste 86 gestanti. «Alcune di loro non volevano portare avanti la gravidanza ma grazie al nostro sostegno hanno scelto di aprirsi alla vita», sottolinea la presidente. I bambini assistiti sono stati 303. Nella sede di via Dante sono state distribuiti indumenti, prodotti dell’infanzia e articoli come passeggini, biberon, carrozzine e lettini per un totale di circa 40mila pezzi.

 

 

 

Il Movimento per la Vita in ospedale per regalare un fiore alle neomamme

 

Mentre domani, sabato 2 febbraio, i membri del MpV rinnoveranno una tradizione molto apprezzata e attesa: durante l’ora di pranzo si recheranno all’ospedale Santo Stefano per regalare un fiore a tutte le neomamme per festeggiare così il loro sì alla vita. L’associazione ha sede presso la parrocchia di Gesù Divino Lavoratore con lo scopo di promuovere l’accoglienza e considera il diritto alla vita come prima espressione della dignità umana.